NOVEMBRE

 Caspar David Friedrich

"Il viandante sopra il mare di nebbia"

NOVEMBREultima modifica: 2006-11-01T05:39:34+01:00da oyrad
Reposta per primo quest’articolo

8 pensieri su “NOVEMBRE

  1. A me questo dipinto piace enormemente. Il problema è che piace troppo anche alle case editrici, che non perdono occasione di esibirlo in copertina di autori svariati. In genere pero’, e per fortuna, ci azzeccano: Adelphi per es. lo ha messo al “Barone di Bagge” di Lernet Holenia, e ci sta benissimo. Nulla da eccepire. Non mi risulta invece che ad alcuno sia venuto in mente di utilizzare ‘sto dipinto per una cover di CD per — la butto lì a caso — il Wanderer di Schubert.
    E meno male. Perchè vabbene che il dipinto si intitola “Il viandante”, ma con Schubert, IMHO, non ci azzeccherebbe niente. (Dubbio atroce dell’ultim’or a: non è che la Deutsche Grammophone… no, eh… no… eh….)

  2. Friedrich è un pittore che mi piacque moltissi-missim o al liceo, anche perchè la sua pittura si era “emulsionata” ad una delle mie canzoni preferite in assoluto , ovvero “Joga” di Bjork, grazie soprattutto al fantastico video musicale che, nel finale, mi ricordava molto, e mi ricorda ancora oggi, proprio questo dipinto.
    Tra l’altro il mio primo dipinto “ufficiale” è nato “inconsciament e” proprio da un particolare “momento” del video bjorkiano, e anche quella che (se solo avessi un posto tutto mio dove dipingere e qualche gruzzoletto in più per potermi permettere qualche secchiatina di colore, che costa uno sproposito … ) dovrebbe essere la mia attuale pittura, deve molto a Friedrich, così come deve molto a Pollock, a Turner, ad Afro, a Bjork, ad alcune vedute siderali di Wenders … basta così ! … Prima o poi, a queso punto, farò un post sui miei dipinti …
    Se non conosci il video di Bjork, corri su YouTube, cerca “Joga Bjork”, e guarda : fai attenzione al finale “wandereriano ” …
    Questo quadro di Friedrich era stato usato su un manifesto stampato in occasione di un incontro musicale, appunto al liceo,intitolat o “il Lied romantico” … che poi era dedicato alla musica di Debussy (ma Debussy fa ancora parte della “generazione romantica” ? Non è già “dopo” ? … Oddio, forse ho appena “steccato” ! … )
    Come sai, Friedrich è il pittore che uso per i miei post “stagionali e mensili”: non è certo un pittore “sconosciuto” , ma dato che mi piace, lo metto volentieri, c’è e ci sarà ancora molte volte, arrivando ogni primo del mese, sul mio blog. (Uhm … magari l’ anno prossimo ci metto Turner … massì, ci penserò …) Un saluto, mia carissima Gabrilù.Oyrad

  3. …beh, qui ci manca soltanto l’Op. D 489 “Der Wanderer” di Franz SCHUBERT, l’autunno avanza, arriverà l’inverno e sarà il turno dell’Op. D 911 “Winterreise” . Per quanto mi riguarda le considero opere “stagionali” da ascoltare fra Novembre e Gennaio, meglio se immersi in paesaggi nebbiosi. Un saluto.
    P.S. Certo che la nebbia a Roma faccio fatica a trovarla, me la vado a cercare ai castelli romani, o lungo la campagna dove scorre l’ex biondo Tevere.

  4. @liminare_206-l imi, non parlarmi così “a freddo” di Roma … se potessi verrei domani ad abitarci! Qui è uno schifo… sarà anche vero che Roma è trafficata, selvaggia quanto si vuole, bla bla bla … ma, se vuoi andare al mare, il mare c’è ; se vuoi andare in collina, ci sono i Castelli Romani, se vuoi andare a vedere qualcosa di bello, la città è piena zeppa di meraviglie insuperabili, se vuoi andare a farti una passeggiata, ci sono spazi verdi fantastici, e c’è la più grande area archeologica immaginabile all’ interno di una città… insomma, grandi difetti, ma anche splendidi pregi… Fosse l’ ultima cosa che farò in vita mia, a Roma verrò a viverci !

Lascia un commento